Sant'Agata di Militello, al via la raccolta a domicilio

I dipendenti dell'Ato Me 1 stanno già fornendo le dovute informazioni ai residenti delle zone situate a monte della cittadina ad oggi non ancora raggiunte dal servizio "porta a porta"
Messina, Cronaca

SANT’AGATA MILITELLO. Il servizio di raccolta differenziata con modalità "porta a porta", a giorni, verrà attivato anche nelle contrade. I dipendenti dell'Ato Me 1 stanno già fornendo le dovute informazioni ai residenti delle zone situate a monte della cittadina ad oggi non ancora raggiunte dal servizio "porta a porta". Il sindaco Bruno Mancuso, ieri mattina, si è recato in contrada Fiorita per sensibilizzare ulteriormente i cittadini ad aderire al nuovo servizio nell'interesse di tutti, ovvero per l'abbattimento dei costi e per contribuire a salvaguardare l'ambiente. Si è confrontato con gli abitanti ed ha raccolto le loro lamentele anche su alcuni disservizi. In particolare - come più volte evidenziato, nei giorni scorsi, sulle pagine di questo giornale - la stagione estiva è stata caratterizzata da carenze idriche dovute al prosciugamento di alcune sorgenti. La mancanza d'acqua, naturalmente, ha provocato non pochi disagi, con i quali si scontrano ancora oggi soprattutto i residenti delle contrade. Inoltre, al sindaco è stato chiesto di ampliare una strada di accesso ad alcune abitazioni. Per quanto riguarda, invece, la raccolta differenziata, il sindaco Mancuso evidenzia: "stiamo cercando, piano piano, di diffondere su tutto il territorio comunale il servizio porta a porta. In via sperimentale, sono state già raggiunte dal porta a porta le contrade Vallebruca e Ira. Ma, adesso, estenderemo il servizio anche a Sprazzì, Fiorita, San Giovanni e, di seguito, a Pairò, Serrabernardo ed Orecchiazzi".



Intanto, c'è da dire che è stato nominato il commissario ad acta per "traghettare" anche il nostro comune dall'Ato Me 1 al nuovo soggetto che, su base provinciale, dovrà gestire in futuro il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. La Regione ha già notificato al comune la nomina del commissario, che a giorni dovrebbe approvare gli atti che l'ente non ha adottato. Il presidente del consiglio ha convocato il civico consesso, in seduta urgente, per domani, alle 18. All'ordine del giorno, appunto, la "costituzione della società consortile per azioni Ato n. 11 - Messina provincia. Approvazione dello Statuto e dell'atto costitutivo, nonché autorizzazione al legale rappresentante dell'ente alla sottoscrizione. Sarà, quindi, il consiglio comunale a decidere se demandare al commissario ad acta o meno il passaggio al nuovo gestore. Il sindaco Mancuso si dichiara perplesso e preoccupato. E conclude: "saranno i consiglieri a valutare cosa fare. E lunedì, nel caso della mancata approvazione, tornerà il commissario ad acta e ci obbligherà ad adeguarci".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X