Rapina da 30 mila euro a Ravenna, in cella due messinesi

Si tratta di un 32enne e un 33enne. Sono stati arrestati in flagranza durante un altro colpo stavolta fallito a Varese
Messina, Archivio

RAVENNA. Una rapina che il 29 marzo scorso in una banca di Lido Adriano, sul litorale ravennate, aveva fruttato 30 mila 500 euro. È il colpo che la squadra Mobile della città romagnola ha attribuito a due giovani della provincia di Messina, un 32enne e un 33enne. Per questo ai due è stato notificato nei giorni scorsi un provvedimento di custodia cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Ravenna. L'atto è stato recapitato nel carcere di Varese dove i due si trovano per un altro colpo simile.    

Secondo le indagini dell'Antirapina, i due messinesi, mascherati con occhiali da sole e ben vestiti, avevano minacciato i dipendenti della filiale della Banca di Credito Cooperativo Ravennate e Imolese facendo loro credere di essere armati. Per l'apertura delle casseforti temporizzate, avevano poi immobilizzato i presenti con fascette in plastica. Lo stesso era toccato anche alla donna delle pulizie che era entrata un po’ dopo. Quindi avevano preso il bottino ed erano scappati a piedi. Analizzando la tecnica usata, la polizia si è canalizzata verso le batterie di rapinatori cosiddetti pendolari.

La svolta ad aprile con l'arresto nella flagranza del reato di rapina aggravata a Varese dei due sospettati che in quell'occasione avevano agito con analogo modus operandi usato nel corso della rapina commessa sul litorale ravennate. Le testimonianze dei presenti e le comparazioni antropometriche hanno completato il quadro accusatorio necessario per erogare la misura restrittiva.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X