Barcellona Pozzo di Gotto, sequestro da 10 milioni a Rotella

L'imprenditore è agli arresti domiciliari perché condannato per concorso esterno in associazione mafiosa nell'ambito dell'operazione 'Vivaio'. Nel mirino aziende, appartamenti, terreni

MESSINA. I carabinieri hanno sequestrato beni per un valore di circa 10 milioni di euro all'imprenditore di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) Michele Rotella, 72 anni, che é agli arresti domiciliari perché condannato per concorso esterno in associazione mafiosa nell'ambito dell'operazione 'Vivaio'. Lo scorso luglio i militari avevano sequestrato a Rotella beni per un valore di circa 70 milioni di euro.
Tra questi ci sono quelli sequestrati nuovamente oggi dopo la sospensione di due congiunti di Rotella dall'amministrazione delle società 'A.G.P. Aziende Generali', 'Puglisi S.r.l.' e 'Azzurra'. Sequestrati anche il capitale sociale e i beni aziendali della società A.G.P. Aziende Generali Puglisi S.r.l. di Messina che si occupa di cave, produzione, lavorazione e vendita di inerti; il capitale sociale e i beni aziendali della società Azzurra di Barcellona Pozzo di Gotto attiva nel settore immobiliare, turistico ed alberghiero; una cava a Messina per l'estrazione, la lavorazione e la vendita di inerti di circa 15.000 mq, con all'interno: un impianto per la produzione di calcestruzzo, un impianto di lavorazione di inerti, un impianto di decantazione, una unità immobiliare di 220 mq. adibita ad uffici e spogliatoi; diversi terreni, per circa venti ettari complessivi; dieci fabbricati rurali ubicati nel territorio del Comune di Messina; quattordici appartamenti a Portorosa del Comune di Furnari (Me); quattro conti correnti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X