Pignoramento per il Comune di Milazzo

Oltre un milione e mezzo di euro «congelati» dai creditori. Interrogazione in Consiglio
Messina, Archivio

MILAZZO. Tredici consiglieri comunali (Franco Scicolone, Alessio Andaloro, Giuseppe Marano, Franco Cusumano, Giuseppe Doddo, Francesco Alesci, Orazio Saraò, Roberto Mellina, Salvatore Italiano, Antonio Napoli, Damiano Maisano, Francesco De Pasquale e Antonino De Gaetano) hanno presentato una interrogazione al sindaco, al segretario generale, all'ufficio legale dell'ente e al collegio dei revisori dei conti, con la quale chiedono di conoscere con urgenza se il comune ha attivato la procedura di opposizione, al pignoramento che alcuni creditori avrebbero operato su "ingenti somme che si trovano depositate presso i conti correnti postali del comune, parte dei quali per diverse migliaia di euro da più di qualche anno".
Secondo quanto denunciano gli interroganti, sembrerebbe che "oltre un milione e mezzo di euro siano depositati presso l'ufficio postale", parte dei quali sarebbero stati pignorati da creditori. "La legge - spiega Scicolone - prevede espressamente la impignorabilità di queste somme, poiché possono essere sottoposte a pignoramento solo le somme del comune depositate disponibili presso il proprio tesoriere".

Un servizio nell'edizione di Messina del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook