Il Comune a un passo dal dissesto finanziario

I parametri di segno negativo sono cinque su dieci. Si va dai debiti fuori bilancio, allo sforamento del patto di stabilità, ai crediti non riscossi, ai debiti delle società partecipate
Messina, Archivio

MESSINA. Il Comune di Messina è a un passo dal dissesto finanziario. Gli uffici di ragioneria non sono riusciti con le carte che hanno trasmesso, a ribaltare il verdetto dei revisori dei conti sul consuntivo 2011. I parametri di segno negativo sono cinque su dieci. Vale a dire che palazzo Zanca è un ente strutturalmente deficitario.
Uno stato che rappresenta l'anticamera del dissesto finanziario. Gli uffici di ragioneria generale avevano contestato il giudizio dei revisori che avevano esaminato il conto consuntivo approntando una relazione molto critica e evidenziando "lo sforamento" dei cinque parametri. Si va dai debiti fuori bilancio, allo sforamento del patto di stabilità, ai crediti non riscossi, ai debiti delle società partecipate. Su uno dei parametri in particolare quello che riguarda i pignoramenti sulla cassa che hanno superato i tre milioni di euro, la Corte dei conti ha inviato proprio nelle ultime ore una richiesta di chiarimenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook