Arrivano 18 milioni: boccata d’ossigeno per Palazzo Zanca

Le somme accreditate dallo Stato non basteranno a far uscire il Comune dalla zona a rischio
Messina, Archivio

MESSINA. Le proteste e gli allarmi si sono sentiti. Da Roma sono stati accreditati al Comune i 18 milioni di euro più volte richiesti nei giorni scorsi dagli amministratori di Palazzo Zanca. Ovvio che questi fondi dovranno essere ripartiti secondo i capitoli di spesa previsti e secondo le esigenze ma è già tanto nel momento in cui il Comune è a forte rischio dissesto e il prossimo mese dovrà segnalare alla Corte dei Conti se riuscirà a continuare i servizi pubblici essenziali come rifiuti, trasporto pubblico e servizi sociali. Per migliaia di dipendenti la possibilità di ricevere gli arretrati. L'articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook