Cittadella universitaria, stop alle attività sportive

Rescissa la convenzione con Unimesport. Da lunedì niente più spazi per chi frequentava piscina, campi da tennis, palestra e campi da calcio
Messina, Archivio

MESSINA. La cittadella universitaria dell'Annunziata da lunedì chiude i battenti o meglio sospende le attività sportive. In difficoltà utenti, lavoratori e studenti della facoltà di Scienze motorie. Restano al palo centinaia di sportivi che frequentano piscina, campi da tennis, palestra e campi da calcio. Senza un lavoro restano una cinquantina di dipendenti precari. A determinare lo stop all'apertura degli impianti la rescissione della convenzione tra Unimesport, il centro universitario con autonomia di spesa che gestisce gli impianti sportivi e il Cus Messina, l'associazione nazionale che in città per le gravi condizioni finanziarie in cui versa è affidata alle cure del commissario Sergio Cama. Gli addetti alle pulizie, alla custodia e gli stessi istruttori erano alle dipendenze del Cus che, grazie a una convenzione con Unimesport gestiva gli impianti. La difficile situazione del Cus ha spinto evidentemente i soggetti coinvolti nella questione ad azzerare ogni cosa. Resta da capire dove andranno a seguier le lezioni di tirocinio gli studenti della facoltà di Scienze motiorie che da lunedì non avranno più sino a nuovo ordine una sede.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook