Strade interrotte e cantieri aperti: ancora tre settimane di caos a Capo D'Orlando

Incendi e piogge delle ultime settimane hanno aumentato i problemi. L’Anas accelera per la statale
Messina, Archivio

CAPO D'ORLANDO. Si prevedono ancora almeno tre settimane di «passione» per poter ultimare i cantieri che da settimane tengono in scacco il traffico cittadino. Lavori, appaltati in qualche caso da tempo, ai quali si sono aggiunti quelli dovuto agli smottamenti causati da incendi e prime piogge della stagione. Per questo, nelle ultime ore, anche la protezione civile cittadina tiene sotto continuo controllo il territorio per provare a scongiurare situazioni che possano provocare la paralisi lungo le poche strade di accesso rimaste totalmente percorribili.

Nella giornata di ieri il gruppo di volontari della protezione civile comunale ha provveduto, con l’ausilio della polizia municipale a liberare la provinciale per San Gregorio di pietre cadute dalla collina dopo l’acquazzone di due giorni fa e sabbia trasportata dal mare sulla strade. Per l’intera mattinata di ieri, invece, è stata chiusa al traffico la Statale 113 nel tratto compreso dal quadrivio di San Martino alla via Benefizio. Il blocco è servito a consentire i lavori di rifacimento dell’asfalto della stessa via Benefizio, sino all’area a ridosso della frana che dal 30 settembre impedisce il transito sulla Statale verso Palermo.

L’Anas, proprio per cercare di stringere i tempi sta puntando a chiudere l’intervento a protezione del costone e in settimana posizionerà le reti paramassi, ma la statale non potrà essere aperta prima di Natale poichè si attende anche il posizionamento di reti a ridosso di contrada Drago, a qualche centinaio di metri di distanza. Il problema è legato alla necessità di utilizzare anche fondi dei proprietari dei terreni che devono contribuire ai lavori di messa in sicurezza. In attesa dell’appalto, quindi, la strada rimarrà chiusa.

Sulla sottostante via Consolare Antica si sono spostati all’altezza di contrada Santa Lucia i lavori della provincia per il rifacimento del manto stradale che ha sta comportando grosse difficoltà per l’accesso e l’uscita dei mezzi pesanti dalla città. Sempre la Provincia, da pochi giorni, ha anche avviato il cantiere per la ricostruzione dell’ultimo tratto del muro posto a protezione della via Andrea Doria, minacciato dalle mareggiate degli ultimi mesi. Anche in questo caso si conta di ultimare i lavori entro metà dicembre per poi lasciare l’area agli interventi di riqualificazione che il comune sta eseguendo su tutto il lungomare cittadino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X