Ditte con crediti milionari, ferme le opere per Giampilieri

Segnano il passo gli interventi di messa in sicurezza nel territorio dove nell'ottobre del 2009 un'alluvione causò 37 vittime. I soldi ci sono ma non si sa chi deve mandare avanti le pratiche di rimborso

MESSINA. Scade l'ordinanza e le ditte restano a secco. Segnano il passo gli interventi di messa in sicurezza nel territorio dove nell'ottobre del 2009 un'alluvione causò 37 vittime.


A Giampilieri i lavori di realizzazione del canale di gronda in via Puntale l'area dove una frana spazzò via decine di case e provocò diverse vittime, sono praticamente fermi. Il motivo è presto detto. La ditta che sta eseguendo gli interventi vanta un credito di oltre due milioni di euro. Visto che l'ordinanza di protezione civile che assegnava la gestione dell'emergenza a un commissario è scaduta il 31 ottobre scorso, non c'è più alcun riferimento amministrativo. I soldi ci sono ma non si sa chi deve mandare avanti le pratiche di rimborso.


A denunciarlo è il capo del genio civile Gaetano Sciacca che chiede alla protezione civile e alla Regione di fare chiarezza. Il genio civile ha seguito la progettazione e l'esecuzione dei lavori in gran parte degli appalti assegnati nel dopo alluvione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X