Comune, la Corte dei Conti: un mese per la soluzione o sarà default

Entro il 27 dicembre dovranno essere adottate le misure correttive per scongiurare il default. La Corte dei conti ha scritto all'ente che «ove ritenga di non poter efficacemente adottare misure correttive tali da superare le criticità in atto, di procedere autonomamente ed immediatamente alla dichiarazione di dissesto finanziario scongiurando ulteriori danni per il Comune»
Messina, Archivio

MESSINA. È arrivata stamani al Comune di Messina un'ordinanza della Corte dei conti che chiede all'amministrazione di adottare tutti i provvedimenti necessari per evitare il dissesto finanziario. Entro il 27 dicembre dovranno essere adottate le misure correttive per scongiurare il default. La Corte dei conti ha scritto all'ente che «ove ritenga di non poter efficacemente adottare misure correttive tali da superare le criticità in atto, di procedere autonomamente ed immediatamente alla dichiarazione di dissesto finanziario scongiurando ulteriori danni per il Comune».  «Dalla relazione della Corte dei Conti e dal confronto col
commissario straordinario Luigi Croce - hanno sottolineato i segretari di Cgil, Cisl e Uil Oceano, Genovese e Amato, convocati da Croce - si profila l'ipotesi concreta del dissesto.
È un'analisi cruda, ma realistica. Se entro trenta giorni non vengono risolte le prescrizioni, è quasi un dovere procedere al dissesto»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X