Rifiuti, arrivano nuovi fondi alla MessinAmbiente

Pronti circa tre milioni. Le somme serviranno per pagare gli stipendi di ottobre e i debiti
Messina, Archivio

MESSINA. Arrivano i fondi alla MessinAmbiente per il pagamento degli stipendi di ottobre e per i crediti vantati dai fornitori. L'Ato3 ha versato alla società di via Dogali i finanziamenti dopo che la Tesoreria ha sbloccato i 2.900.000 euro e la firma al mandato di pagamento apposta dal commissario del Comune Luigi Croce. Tra gli altri problemi finanziari sono anche i fondi per la gestione dei rifiuti a mettere in crisi il bilancio del Comune a rischio dissesto. Come evidenziato due giorni fa in commissione Partecipate l'Ato3 ha un credito nei confronti del Comune di 26 milioni di euro mentre la MessinAmbiente ne vanta 14, somme che non sono scritte in bilancio.

Questa mattina al Comune sui Tagli ai trasferimenti statali, spending review, dissesto finanziario, riduzione dei servizi e delle dotazioni organiche, stabilizzazione precari si è tenuto un dibattito convegno moderato dalla segretaria della Fp Cgil, Clara Crocè, in un fase in cui, alle disposizioni normative del Testo unico sugli enti locali, si sommano le tante novità legislative introdotte negli ultimi mesi dal governo Monti.

Al convegno hanno preso parte il sindaco di Barcellona Maria Teresa Collica, l’assessore al Lavoro del Comune di Milazzo Giuseppe Midili, i sindaci di Castell’Umberto, Santo Stefano di Camastra e Novara di Sicilia, rispettivamente Alessandro Pruiti Ciarello, Francesco Re e Gino Bertolami. Sul fronte sindacale, invece, spazio agli interventi del responsabile provinciale del precariato degli enti locali Antonino Pizzino, ai coordinatori degli enti locali Antonino Cammaroto, Sebastiano Noto e Francesco Fucile. Le conclusioni affidate al segretario nazionale della Fp Cgil, Federico Bozzanca. A.CAF.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook