Sciopero dei trasporti in vista: stato d'agitazione

I sindacati Uil, Orsa, Ugl e Cub, dopo un'assemblea che si è tenuta sino a notte fonda, hanno emesso un comunicato in cui esprimono grande preoccupazione per il futruro dei lavoratori
Messina, Archivio

MESSINA. Sciopero in vista all'azienda trasporti. I sindacati Uil, Orsa, Ugl e Cub, dopo un'assemblea che si è tenuta sino a notte fonda, hanno emesso un comunicato in cui esprimono grande preoccupazione per il futruro dei lavoratori. E' stato dichiarato lo stato di agitazione e sono state avviate le cosiddette procedure di raffreddamento che possono portare rapidamente allo sciopero. Mancano all'appello gli ultimi tre stipendi e non ci sono prospettiove chiare su quando e come verrà pagato almeno un anticipo. Un confronto con la direzione  generale dell'azienda non ha sortito l'effetto sperato. In cassa non ci sono fondi. I sindacati chiedono l'immediata attivazione di un tavolo di trattative con il commissario del Comune Luigi Croce e l'intervento dell'assessorato regionale ai Trasporti.
AGGIORNAMENTO. Un gruppetto di  lavoratori alle 8 di questa mattina ha occupato il secondo piano della sede dell'azienda trasporti impedendo l'ingresso dei dipedenti al dipartimento mobilità. Chiedono il pagamento degli stipendi arretrati e rassicurazioni sul loro futuro. La notte scorsa i sindacati dopo un'infuocata assemblea hanno proclamato lo stato di agitazione e avviato le cosidette prpcedure di raffreddamento che portano allo sciopero. I dipedenti dell'atm non percepiscono stipendio da tre mesi. L'azienda al momento non ha liquidità e non è in grado di far fronte al paamento delle spettanze arretrate. Il mese scorso un gruppo di lavoratorid ell'Atm diede vita all'occupazione dell'aula commissioni del Comune che si protrasse per venti giorni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X