Patti, approvata la variante al Prg: via libera ai due nuovi alberghi

«Sì» dal Consiglio alle strutture da realizzare in contrada Panicastro e Mustazzo
Messina, Archivio

PATTI. Con l’approvazione all’unanimità da parte del consiglio comunale della variante al piano regolatore generale diventano immediatamente esecutivi i lavori per la riqualificazione di due nuovi insediamenti turistico – ricettivi in contrada Panicastro e Mustazzo da adibire a strutture alberghiere con 148 e 95 posti letto. Senza per questo dimenticare la consequenziale disponibilità di quasi ottanta nuovi posti di lavoro oltre all’incremento economico per tutto l’indotto che ruota attorno a queste due attività. Era questo il punto più atteso inserito all’ordine del giorno che ha visto tutti i consiglieri comunali esprimere giudizi positivi sulle due opere la cui realizzazione consentirà alla città di fare anche un notevole passo in avanti verso la ricezione di una buona fetta di potenziali turisti collocati tra l’altro in una fascia medio elevata, dato che si tratta di due complessi a quattro stelle. Con questa approvazione definitiva che fa seguito a quanto già era stato avallato dell’apposita conferenza dei servizi a carattere regionale svoltasi nei mesi scorsi con il determinate parere favorevole dell’assessorato territorio ambiente, il tutto dunque diventa realtà. In dettaglio le due strutture occupano complessivamente 3500 metri quadri. Quella di Panicastro si estende su 2000 metri a circa un chilometro dall’area turistica di Tindari, mentre l’altra di 1500 nella  stazione turistica di Marina. Saranno entrambe ristrutturate e ripristinate antiche costruzioni esistenti in modo da trasformarle in “villaggio –albergo” da quattro stelle, realizzando nello stesso tempo, anche opere ambientali per valorizzare il tutto. Infatti, sia a Panicastro che a Mustazzo, saranno costruite piste ciclabile di circa tre chilometri, campi da tennis e di golf, piscine e laghetti. L’importo per la ditta “Terre di Eolo” di Filippo Segreto, ammonta a circa 10 milioni di euro, di cui il 50% a proprio carico, mentre l’altra metà si trova già inserita nei progetti presentati e approvati nel programma prioritario dell’assessorato regionale dell’Attività Produttiva. Le opere dovranno essere completate entro 18 mesi. Per quanto riguarda gli altri punti, approvato all’unanimità l’accordo sulla presa d'atto di transazione verbale di conciliazione personale di vigilanza non di ruolo con il pagamento degli arretrati che avverrà tramite due rateazioni. Gli altri due, recupero coattivo degli oneri di urbanizzazione e costo di costruzione e stabilizzazione dei precari del Comune, alla luce dell'incontro svoltosi nei giorni scorsi tra l'amministrazione e i dipendenti stessi sarà discusso nel prossimo consiglio comunale che dovrebbe avvenire prima della fine dell’anno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook