Il 104° anniversario del terremoto tra corone di fiori e lievi scosse

Il disastro del 1908.La storica tragedia con 80 mila morti verrà ricordata oggi con diverse cerimonie sia civili che religiose

MESSINA. Una vigilia con il botto quest'anno ha preceduto le celebrazioni per il 104° anniversario del terremoto del 28 dicembre 1908. A meno di ventiquattro ore dalle commemorazioni civili e religiose che oggi rievocheranno il drammatico evento, la terra all'alba di ieri ha tremato ancora, facendo registrare due piccole scosse di terremoto a largo dell'isola di Lipari e tra i golfi di Patti e Milazzo. Le scosse, pur essendo di lieve entità (di poco superiori a 2,5 magnitudo) sono state avvertite da una larga fascia della popolazione che, per un attimo, ha temuto le conseguenze del disastroso terremoto di centoquattro anni orsono. All'epoca il terremoto registrò una magnitudo oscillante tra 6,9 e 7,2 della scala Mercalli e fu accompagnato da uno tsunami alto circa 6 metri, provocando almeno 80.000 vittime su una popolazione di circa 140.000 abitanti. Una tragedia storica che ha segnato il destino di Messina e del suo popolo. La nobile Arciconfraternita SS.Annunziata dei Catalani, a mezzogiorno in punto, ricorderà le vittime con la deposizione di una corona di alloro ai piedi della statua di Largo Minutoli raffigurante Messina ed un momento di raccoglimento. Alla cerimonia che si svolge dal 1992 interverranno il commissario straordinario del Comune Luigi Croce, il presidente del consiglio comunale Giuseppe Previti ed il comandante della Polizia municipale Calogero Ferlisi. I membri dell'arciconfraternita muoveranno in corteo alle 11.45 dalla chiesa dei Catalani per raggiungere piazza Minutoli. In suffragio dei caduti un'altra cerimonia si svolgerà alle 10.30 dinanzi alla Capitaneria di porto. Una delegazione del consolato generale della Federazione russa a Palermo, guidata dal ministro straordinario Vladimir Korotkov, deporrà una corona di fiori ai piedi del monumento dedicato ai marinai russi e situato nello spazio a verde attiguo la Capitaneria. Saranno presenti il presidente del consiglio comunale ed il presidente della Provincia, Giovanni Ricevuto. Il monumento è stato inaugurato lo scorso mese di giugno, in ricordo dei primi soccorsi prestati dai marinai russi alla popolazione terremota già all'alba del 29 dicembre. Messe in suffragio dei caduti verranno celebrate in Cattedrale e nelle altre chiese cittadine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook