"Certificati falsi a Messina", arrestato primario del Policlinico

In manette Stefano Conte, dirigente medico del reparto di Nefrologia e dialisi, e la moglie Orlanda Vinci. Accusati di truffa, esercizio abusivo della professione medica, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, soppressione, distruzione e occultamento di atti veri
Messina, Archivio

MESSINA. I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del dirigente medico del reparto di nefrologia e dialisi del Policlinico di Messina, Stefano Conte, 53 anni, e della moglie Orlanda Vinci, 51 anni perchè responsabili, a vario titolo, di truffa, esercizio abusivo della professione medica, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, soppressione, distruzione e occultamento di atti veri.
L'indagine è scaturita dalle denunce di un dirigente medico in servizio presso l'Uoc di medicina fisica e riabilitativa e medicina dello sport presso il Policlinico di Messina, che si è accorto che è stato redatto un certificato medico verosimilmente falso, che recava l'intestazione ed il timbro della Uoc e il documento era stato esibito da un atleta in occasione di una competizione sportiva nella disciplina del pugilato.
Nel corso delle attività di indagine effettuate dai militari dell'Arma è emersa l'esistenza di ulteriori certificati «falsi» che erano stati redatti secondo le medesime modalità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook