Messina, l’Atm chiude l’anno coi conti in rosso e il flop della «Ztl»

Messina, Archivio

MESSINA. L'Atm saluta la fine di un altro anno con un bilancio in rosso. A chiudere l'ultima parentesi del 2013, segnando l'ennesima nota dolente per l'azienda trasporti, interviene il consigliere comunale, Libero Gioveni. La questione legata ai mancati introiti provenienti dagli stalli della "Ztl" che tra due settimane verrà sostituita dall'isola pedonale permanente e di altri quattrocento stalli privi di segnaletica non va assolutamente trascurata nei conti di fine anno.
"Se questo non è un danno erariale - sostiene il consigliere - poco ci manca. Se i mancati introiti determinati dalla istituzione dell'isola pedonale rientrano nelle scelte politiche dell'amministrazione che pertanto ne è consapevole, non si può dire lo stesso per gli incassi che dovevano arrivare dalla ztl. Si tratta di somme significative, almeno circa sessantamila euro al mese che sarebbero dovuti giungere dai quattrocento stalli resi liberi dalla mancanza di segnaletica verticale. Un danno pesante per le casse dell'azienda. Si continuano a perdere, per un ingiustificabile immobilismo, risorse preziose che in questo momento avrebbero potuto rendere meno nera la crisi dell'azienda, obbligando i lavoratori ad elemosinare le loro spettanze".
Auspicando un inizio 2014 più luminoso, Gioveni chiede al sindaco Accorinti ed all'assessore alla viabilità Cacciola, di fare chiarezza sull'ennesima vicenda che ha penalizzato l'Atm, accertando eventuali responsabilità ed assumendo i provvedimenti necessari. 


RI. SE.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook