TECNOLOGIA

Falegname o idraulico? Le referenze viaggiano sui social

di
Il passaparola funziona grazie a un’app sviluppata da un ingegnere messinese, Maurizio La Cava, con un socio milanese. Un sistema meritocratico permette di evidenziare i lavoratori più virtuosi

MESSINA. Negli ultimi anni la tecnologia dei social network sta contribuendo ad influenzare e condizionare le relazioni tra individui anche nella vita reale. Non parliamo di facebook o twitter che rappresentano ancora una piazza virtuale di intrattenimento da salotto, ma di soluzioni che contribuiscono a consolidare la professionalità o la reputazione di chi offre servizi reali, basandosi sulle preferenze dei navigatori sul web.

Sono tante le piattaforme in grado di far aumentare la reputazione grazie al passaparola sul web: tra le più note abbiamo Tripadvisor, il portale nato per garantire l’affidabilità dell’ospitalità alberghiera. Un sistema democratico che ritroviamo in altri social come Four Square, che consente agli utenti di segnalare il gradimento di pub e locali cittadini o ancora piattaforme specifiche per professionisti e manager come Linkedin, dove ogni iscritto ha la possibilità di far crescere la reputazione di un contatto assegnando una raccomandazione.

Mancava però un anello di congiunzione per i lavori artigianali o per i servizi alla persona, un portale in grado di dare credito alle prestazioni dirette; vuoto colmato da pochi mesi grazie ad un’idea messa a punto da due giovani ingegneri: Davide Ghezzi di Milano e Maurizio La Cava di Messina. Laureatisi al Politecnico di Milano qualche anno fa i due amici, dopo alcune esperienze all’estero presso multinazionali, hanno deciso di tornare a casa per far nascere eKoodo, il primo social network che premia il lavoro ben fatto.

Da un incontro al bar è nato il social ekoodo.com, che in greco vuol dire gloria e si ispira anche a kudos, termine inglese usato per assegnare prestigio ad un servizio. La piattaforma creata dai due ingegneri è molto semplice e può tornare davveroutile per raccomandare un falegname, un cameriere, un cuoco, un personal trainer, un istruttore o qualunque altro professionista individuandolo nel circuito, anche nel caso in cui abbia cambiato sede o datore di lavoro. A chi non è capitato di rimanere delusi perché in un locale non c’era quel barman tanto gentile e bravo incontrato qualche tempo addietro, chiedendosidove lavori adesso, o quante volte si chiede ad amici e parenti il supporto diun idraulico di fiducia. Adesso anche queste figure potranno consolidare la propria affidabilità grazie alle raccomandazioni dei loro stessi clienti, a beneficio della comunità e di chi opera con serietà e professionalità. “eKoodo è il primo sistema social che garantisce una valorizzazione meritocratica dei servizi offerti al cittadino – spiega il messinese Maurizio La Cava, 27 anni, maketing manager del progetto -. L’idea alla base è semplice e innovativa: bastano pochi click per registrarsi gratis, creare un profilo, e iniziare a dare o ricevere dei complimenti digitali basati sulla qualità del servizio ricevuto o offerto.

Ogni koodo ha il valore di una raccomandazione personale, della quale il ricevente potrà fartesoro al fine di costruire, un complimento dopo l’altro, la propria reputazione; una reputazione online, certo, ma anche offline perché, sebbene eKoodo sia una piattaforma web, le interazioni tra gli utenti si generano nella vita di tutti i giorni in quanto basate su una relazione tra professionista e cliente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook