DECRETO

Tre milioni e mezzo dalla Regione per la raccolta rifiuti porta a porta a Messina

di
La «differenziata» coinvolgerà prima sessantamila abitanti e poi quasi la metà dei cittadini

MESSINA. Dalla Regione arrivano i soldi per far partire la differenziata. Entro giugno partirà la raccolta porta a porta che coinvolgerà in prima battuta sessantamila abitanti e poi quasi la metà della città. E' arrivato al Comune e a Messinambiente il decreto di finanziamento da 4 milioni e mezzo della Regione che prevede una spesa di 4 milioni e mezzo di euro. Novecentomila euro saranno stanziati dal Comune, la parte più grossa, oltre 3 milioni e mezzo dalla Regione. Il sì in effetti era già arrivato verbalmente ma si aspettava il rientro dalla Corte dei conti dove il decreto è stato esaminato e registrato.

Adesso, la giunta comunale, dovrà approvare il piano ed il bando di gara per l'acquisto dei mezzi necessari a prelevare la spazzatura in maniera differenziata, per l'acquisizione dei contenitori che serviranno a separare i rifiuti per il sistema di identificazione con codice a barra del cittadino che depositerà. In pratica i mezzi, ne saranno acquistati una decina arriveranno sino a sotto casa. Così, chi vorrà a sarà compreso nel piano, non dovrà più raggiungere le isole ecologiche che sono poche e probabilmente inadeguate a ricevere una certa quantità di rifiuti. E' la rivoluzione che l'assessore comunale all'ambiente Daniele Ialacqua annunciava da tempo.

 

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X