LEGA PRO

Il Messina crede sempre nella salvezza

Un pizzico di preoccupazione, ma la squadra ha ripreso a lavorare come se nulla fosse accaduto. Il neo capitano: «Non siamo riusciti ad imporci»

MESSINA. La casa brucia, ma il clima è ancora sereno. La fiducia è rimasta la stessa di qualche settimana fa, il Messina crede nella salvezza e la sconfitta di Caserta non ha scalfito le certezze del gruppo. Certo, la situazione si è fatta un po' più difficile, c'è una partita in meno da giocare e qualche avversaria in più da tenere d'occhio. Ma al di là di un pizzico di legittima preoccupazione, la squadra ha ripreso a lavorare come se nulla fosse accaduto. In fondo quello di Caserta era un ko ampiamente preventivabile. Il Messina non è riuscito a fare la partita che aveva in mente. La differenza tecnica, alla fine, ha pesato e spostato gli equilibri. Inutile cercare alibi nella fiscalissima espulsione di Izzillo. "Non dipende da quello - dice subito il giovane centrocampista Marco Bortoli - in verità non siamo riusciti a fare quel che dovevamo".

Bortoli è stato a sorpresa il capitano del Messina. Una scelta che ha stupito tutti, considerato che era il più giovane in campo e anche uno dei meno utilizzati di questa stagione. Forse Grassadonia ha voluto premiare la sua disponibilità e la serenità con cui ha accettato la panchina e a volte anche la tribuna. "Non so perché mi abbia concesso questo onore. A livello personale è una bella gratificazione, anche se avrei preferito portare a casa qualche punto. Sono felice di essere stato capitano per una partita, ma nel calcio contano altre cose, non certo chi indossa la fascia".

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X