LEGA PRO

A Lecce missione impossibile, il Messina ci prova

di
Peloritani oggi in Salento per tirarsi fuori dalla zona play-out. Grassadonia rinuncia ancora allo squalificato Pepe, Damonte atteso al rientro a centrocampo

MESSINA. Un impegno proibitivo e nello stesso tempo un match da vincere a ogni costo. La salvezza del Messina passa oggi anche da Lecce, la differenza - tecnica e di classifica tra le due squadre conta poco o nulla. Per uscire dalla zona play-out, i ragazzi di Grassadonia non hanno alternative. Devono provare a fare bottino pieno al Via del Mare, sperando di ripetere l’impresa della gara di andata e magari di trovare un Lecce meno brillante rispetto alle ultime settimane.Sulla carta, è una sfida impossibile. I pugliesi, partiti per vincere il campionato, hanno un organico di categoria superiore. Le turbolenze societarie e il cambio tecnico a inizio mese hanno ridotto il gap, ma la differenza con il modesto Messina di questa stagione è evidente.

Grassadonia, però, è convinto del potenziale del suo gruppo e si aspetta risposte dal campo. È pronto a mettere di nuovo in soffitta il 3-5-2 utilizzato a Caserta con scarsi risultati, per puntare sul collaudato e affidabile 4-3-3 di inizio 2015. Inevitabili diversi cambi in squadra, dettati dalle assenze ma anche dalla necessità di mantenere l’età media entro i limiti imposti dalla Lega Pro per accedere ai contributi per i giovani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X