EOLIE

Lipari, 34 lavoratori ex Pumex non percepiscono lo stipendio

LIPARI. Da quasi un anno i 34 lavoratori ex Pumex non percepiscono lo stipendio e il sindacato dichiarato lo stato d'agitazione e preannuncia una giornata di sciopero. Lo hanno ufficializzato Clara Crocè, segretario generale della Fp Cgil e Francesco Fucile segretario provinciale. "La situazione - hanno scritto in una nota inviata alla Regione, al prefetto e al sindaco - si è fatta insostenibile. I lavoratori (lsu) alle dipendenze del Comune non riescono piu' a mantenere le loro famiglie. C'è chi deve anche pagare il fitto della casa, chi il mutuo, chi addirittura ha difficoltà per garantire il cibo ai figli. Eppure il Comune già da diversi mesi ha ottenuto le somme dalla Regione ma a loro è stato erogato solamente un acconto….".

"Riteniamo la situazione fortemente preoccupante - scrivono la segretaria generale Clara Crocè e il segretario provinciale, Francesco Fucile - frutto di scelte che niente hanno a che vedere con il futuro dei lavoratori. Abbiamo per anni tentato di far riconoscere alla Regione Sicilia l'onere della ricollocazione funzionale dei lavoratori Pumex, per precisi impegni assunti in sede Unesco, e quando pare essere sul punto di aver individuato un percorso virtuoso si oppongono ostacoli per non ben chiare prese di posizione. Rammentiamo a tutti - continuano i sindacalisti - che si tratta di lavoratori che non percepiscono retribuzioni da quasi un anno e che sono stati utilizzati senza nessuna copertura previdenziale da oltre quattro anni. La situazione è drammatica e si impongono scelte chiare ed inequivocabili che vedano al centro i lavoratori e non certi interessi poco chiari delle Pubbliche amministrazioni".

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X