IL CASO

Messina, muore neonato di 38 giorni
Altro caso dopo Nicole: accertamenti

di
Nasce a Siracusa, perché nei reparti di terapia intensiva di Catania non c’è posto, poi si aggrava e viene trasferito a Messina

MESSINA. Trentotto giorni di vita sempre trascorsi in ospedale, due dei quali in agonia al policlinico di Messina, nelle stanze del reparto di terapia neonatologica intensiva diretto dal professore Ignazio Barberi. Il piccolo Mattia, nato prematuro all’ospedale di Siracusa dopo che la madre aveva fatto un breve passaggio all’ospedale di Bronte, è morto venerdì sera dopo aver fatto tappa in due diversi ospedali: Siracusa e Messina.

Di mezzo c’è la mancanza di disponibilità di posti al reparto di terapia intensiva di Catania. Per questo la madre di Mattia viene trasferita, dopo essere stata portata a Bronte, a Siracusa dove partorisce. Ma a Mattia, nato prematuro, viene diagnosticato un «distress respiratorio» e ne viene disposto il trasferimento a Messina. E così l’intero percorso di Mattia, dalla prima tappa di Bronte, alla nascita a Siracusa, alla morte a Messina, finisce su un fascicolo depositato in procura a Catania dai genitori.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X