LA POLEMICA

Non ha cravatta, il sindaco di Messina rimane fuori dall'Ars

Accorinti: gente in giacca e cravatta ha stuprato Sicilia

MESSINA. "E' incredibile che nel 2015 un sindaco, che rappresenta la terza città della Sicilia e 250 mila abitanti non venga fatto entrare all'Ars, solo perché non indossa la cravatta. Sono stato convocato per discutere di problemi importanti che riguardano i trasporti di un'ampia comunità e guardano solo il mio abbigliamento?".

Lo dice il sindaco di Messina Renato Accorinti mentre si trova fuori da palazzo dei Normanni, sede dell'Assemblea regionale siciliana, perché non è stato fatto entrare poichè indossa una maglietta e non giacca e cravatta come previsto dal regolamento. "Questi atteggiamenti razzisti - prosegue Accorinti - esistono solo all'Ars. Sono andato a parlare con Renzi e il Papa, domani sarò dal ministro Lupi con il quale già mi sono incontrato e nessuno mi ha fatto mai problemi. É assurdo giudicare una persona per come si veste, perché ha un tatuaggio, un orecchino o perché ha una determinata fede o tendenza sessuale. È veramente incredibile quello che mi è successo, se veniva uno sceicco o Tsipras che non idossa la cravatta che facevano? Non permettevano loro di entrare? Penso proprio di no''.

''Questa è una mancanza di rispetto non verso di me - conclude - ma nei confronti della città di Messina che io rappresento. Ero venuto qui per parlare di una problematica come quella dei trasporti con un sistema ferroviario tra i peggiori d'Europa, e non mi fanno entrare? E' una cosa folle e chiedo formalmente di eliminare un regolamento così arcaico. Qui c'è gente che in giacca e cravatta ha stuprato la Sicilia".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X