TRIBUNALE

Messina, maltrattava un anziano che le era stato affidato: condanna ridotta in appello

L'uomo fu trovato dai finanzieri denutrito e segregato in casa

MESSINA. La corte d'appello di Messina ha ridotto la pena per Rosaria Festa, 42 anni, l'amministratrice di sostegno arrestata ad ottobre di due anni fa per maltrattamenti all'anziano al quale avrebbe dovuto badare e trovato, invece, denutrito e segregato in casa. In primo grado la donna era stata condannata per sequestro di persona e maltrattamenti a 8 anni, che sta scontando in carcere ad Agrigento. La corte le ha concesso le attenuanti, riducendo la condanna a 5 anni e sei mesi. Quando le Fiamme Gialle sono entrate nell'abitazione, dopo una segnalazione, hanno trovato l'anziano disteso su un vecchio materasso, sporco di feci con addosso maglietta e boxer. Per raggiungerlo i militari hanno dovuto forzare il lucchetto di un cancello che gli impediva di allontanarsi. A rinchiuderlo in questa sorta di prigione, hanno poi appurato, era stata Rosaria Festa, l'amministratrice di sostegno che il Tribunale Civile aveva nominato nell'aprile del 2012.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X