COMUNE

Messina, assemblea di trecento precari: "Stabilizzateci"

di
I lavoratori a tempo determinato ricominciano il lungo iter di una vertenza che per molti va avanti anche da 25 anni. La solidarietà di Signorino e Mantineo

MESSINA. I quasi trecento precari del Comune che tutti chiamano "storici" tornano a manifestare. Le rappresentanze sindacali unitarie hanno tenuto un'assemblea ieri a Palazzo Zanca per sollecitare la stabilizzazione e salari più alti che ancora oggi, dopo 20 anni circa di servizio (c'è chi ne ha anche 25) sono sotto i 1000 euro e nel caso di 18 ore settimanali intorno a 600 euro. Il piano del fabbisogno di personale che nel dicembre scorso aveva visto festeggiare l'amministrazione Accorinti dovrà essere rivisto e corretto.

E così per i 292 precari è ripartito un iter lungo quanto gli anni di lavoro. Gabriella Giannetto, precaria e Rsu: "Dobbiamo considerare essenzialmente i servizi che prestiamo, cosa potrebbe succedere alle attività dell'ente se ci dovessimo fermare? Io credo a un blocco dell'organizzazione amministrativa". Sottolineate durante i lavori dell'assemblea le differenze con i dipendenti a tempo indeterminato. Il vicesindaco Guido Signorino è intervenuto durante l'incontro e ha evidenziato che la giunta municipale starà accanto ai precari e farà in modo che il percorso della stabilizzazione possa essere concretizzato quanto prima.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X