DECRETO DI ACCORINTI

Messina, ok del consiglio: parte il piano per le Partecipate

di
Disegnati gli scenari delle società. Tutte liquidate ad eccezione dell'Amam che rientrerà nella Multiservizi e assorbirà raccolta e smaltimento rifiuti

MESSINA. Definito il destino di tutte le società partecipate del Comune. Il sindaco Accorinti, su decreto, ha approvato il piano operativo di razionalizzazione delle partecipazioni societarie seguito all'ok in Consiglio comunale del programma di riequilibrio finanziario decennale che ha come obiettivo quello di evitare il dissesto economico.  Si parte dell'Amam, l'azienda meridionale acque Spa, che entro il 30 giugno prossimo dovrà vedere adeguato lo statuto e approvato il contratto di servizio da parte del Consiglio comunale; per l'Amam il Comune pensa all'inserimento nella nuova società Multiservizi. L'esercizio finanziario 2015 Amam vedrà un dividendo a carico del Comune di 696.355,21 euro che dovrà salire al 2023 sino a 4.719.558,06 euro. L'azienda trasporti municipalizzata sarà sciolta per entrare a far parte della Multiservizi e vedere una "ristrutturazione" del trasporto pubblico locale.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X