LEGA PRO

Il Messina sfiora l’impresa, ma a Catanzaro è pari

di
Porta «stregata» al Ceravolo: le conclusioni di Corona finiscono a fil di palo, Damonte si vede respingere da Giampà un’incornata destinata a finire in rete

MESSINA. L'impresa non è delle più incredibili, anzi. È la solita storiella del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto e dare una risposta non è quasi mai semplice. Il Messina continua a non perdere, allunga a quattro la sua striscia di risultati utili consecutivi ma non riesce in alcun modo a guarire dalla pareggite che ormai l'ha colpita, s'è impossessata del Messina e sembra che non voglia proprio saperne di lasciarla.

Terzo pareggio a reti inviolate nelle ultime quattro gare, un solo gol realizzato nella mini serie positiva «macchiata» dal solo gol di Mosciaro subito ad Aversa. La Reggina resta lontana sette lunghezze, un divario che apparentemente dovrebbe essere sufficiente per evitare una retrocessione senza passare per i play-out. Il problema sta nel fatto che lo stesso vantaggio che hanno i peloritani sugli amaranto lo ha anche la Lupa Roma proprio sul Messina. Impossibile, o almeno così sembra, pensare di non dover affrontare la lotteria dei play-out dove con molta probabilità il Messina si giocherà tutte le sue carte per rimanere in Lega Pro.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X