IN APPELLO

"Tentò di violentare un bambino", condannato a sei anni a Messina

di

MESSINA. Condanna leggermente ridotta in appello per l’uomo che condusse un bambino di dieci anni nella propria abitazione per tentare di costringerlo a subire atti sessuali.  L’episodio risale al settembre 2013 e si verificò a Castanea, piccolo borgo delle colline messinesi, che fu particolarmente colpito da questa vicenda. Nei giorni scorsi si è concluso il processo di secondo grado. La Corte d’Appello ha condannato D. K. a 6 anni, concedendo un leggero «sconto» rispetto alla sentenza di primo grado, inflitta con il rito abbreviato, che lo condannava alla pena di otto anni. I giudici di secondo grado (Antonino Brigandì, presidente, Bruno Sagone e Marisa Salvo) hanno confermato la provvisionale di cinquemila euro, già disposta in sede di abbreviato, per la madre del piccolo che si è costituita parte civile attraverso gli avvocati Andrea Freni e Rosario D’Arrigo. Il pg Salvatore Scaramuzza, in rappresentanza dell’accusa, aveva chiesto la conferma della condanna.  La storia risale a settembre 2013.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X