Soldatini in mostra per ricordare il terremoto di Messina

MESSINA. Un diorama composto da soldatini di metallo e strutture che riproducono personaggi e fatti realmente vissuti per ricordare il terremoto del 1908. E’ quanto ha realizzato un artista di Perugia. Alessandro Cimicchi, su commissione di Enrico Pintaldi, originario di Messina ma residente a Milano, ha realizzato una vera e propria opera d’arte che sarà esposta prossimamente in una mostra dedicata proprio al terremoto di Messina del 1908. Produttore artigianale di soldatini da collezione in lega metallica (scolpiti e dipinti a mano), Cimicchi, che opera a Forgiano in provincia di Perugia, è conosciuto come il Plantageneto. Ha riprodotto una scena realmente accaduta il 29 dicembre del 1908.

Cioè il salvataggio di Arnaldo Staglianò, a quei tempi cancelliere capo del tribunale di Reggio Calabria. Staglianò, che abitava in centro, il 28 dicembre del 1908, rimase sepolto sotto le macerie della sua abitazione, assieme a tutta la sua famiglia. Perse tutti tranne la figlia Edel che recuperò qualche settimana dopo in un ospedale catanese. Fu salvato dai marinai russi e dai carabinieri. Cimicchi, attraverso la documentazione fotografica fornita dal committente, ha riproposto, nel soldatino, il viso dell’uomo e sui militari ha impresso i visi tratti dai giornali dell’epoca. Nel diorama si vede Staglianò preso in braccio da un militare e poi appoggiato sulla barella.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X