INFRASTRUTTURE

Sui mega porti turistici a Lipari si profila un contenzioso

di
Accordo a rischio. Il sindaco Giorgianni: «Abbiamo proposto di ridimensionare il progetto, ma sembra che non ci sia questa volontà»

LIPARI. La società mista era stata costituita per costruire "mega porti turistic e commerciale" nella maggiore isola delle Eolie. "Condotte D'Acqua Spa" era pronta a investire 120 milioni di euro, ma ora si profila un contenzioso. Il sindaco Marco Giorgianni è chiaro: "Abbiamo proposto di ridimensionare il progetto voluto dalla precedente amministrazione comunale, ma dopo ripetuti incontri , mi sembra evidente che non c'è questa volontà. Ritengo che non ci siano alternative per andare avanti!".

La società mista "Lipari Porto spa", è composta da "Condotte D'Acqua e Comune di Lipari", con quote del 51 e 49%. I romani hanno messo il capitale, l'ente eoliano due appartamenti nella famosa piazzetta di Marina Corta. Tra precedente gestione del centro destra e attuale del centro sinistra, il "buco" societario ammonta a circa un milione di euro, anche se il sindaco Giorgianni ci tiene a sottolineare che "mentre i precedenti rappresentanti del consiglio di amministrazione avevano "stipendi d'oro" (da mille e 900 euro a mille e 600 euro al mese), i nuovi esponenti hanno solo un gettone di presenza di mille euro l'anno".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X