AMMINISTRAZIONE

Messina, il bilancio dei primi due anni di Accorinti tra luci e ombre

di

MESSINA. Il sindaco Renato Accorinti spegne le sue due prime candeline e viene messo sotto esame da chi si è pentito di averlo sostenuto. Saranno i militanti del teatro Pinelli alla scuola media «Foscolo» occupata, oggi alle 18,30, a tracciare un bilancio dei primi due anni dell’amministrazione guidata da Renato Accorinti. Lo faranno da ex sostenitori dell’attuale sindaco che aveva sostenuto le loro prime occupazioni, a partire da quella all’ex teatro in fiera, assieme ai consiglieri comunali Nina Lo Presti e Gino Sturniolo, eletti proprio nelle liste di «Cambiamo Messina dal basso» ma diventati adesso detrattori del primo cittadino. Saranno loro a relazionare. Entrambi chiederanno al sindaco provocatoriamente, da quella sede, di azzerare la giunta e di riprendere un cammino politico comune. Titolo dell’iniziativa, «Facciamo un Bilancio»: «Si ragionerà- spiegano i pinellini- sul rapporto tra movimenti e istituzioni, e si cercherà di fare un bilancio politico e finanziario di questa esperienza amministrativa». E ancora: «L’egemonia dei movimenti sulla politica istituzionale- si legge nel documento politico che fa da preludio al dibattito- è sotto gli occhi di tutti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X