TRIBUNALE

Messina, inchiesta sull'appalto al porto: chiesti sei rinvii a giudizio

di

MESSINA. Si avvia verso l'udienza preliminare l'inchiesta sulla gara d'appalto per l'affidamento della rada San Francesco. Il sostituto procuratore della Dda Liliana Todaro ha chiesto il rinvio a giudizio per sei persone. Al centro dell'indagine, condotta dalla sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri, la gara del 2013indetta dell'Autorità portuale. L'udienza preliminare è già stata fissata per il prossimo 5 novembre davanti al gup Maria Vermiglio. L'inchiesta ha avuto una svolta alla fine del mese di maggio quando era stato notificato ai vertici della Caronte &Tourist e di un'azienda salernitana il divieto a partecipare alle gare d'appalto per dodici mesi nella provincia di Messina.

Divieto che era stato revocato qualche giorno dopo dallo stesso gip che l'aveva emesso a seguito dei risultati dell'interrogatorio degli indagati. Oltre all'ingegnere Vincenzo Franza e la madre Olga Mondello l'indagine riguardava anche Antonino Repaci della «Caronte &Tourist» ed Agostino Gallozzi, Vincenzo Gallozzi ed Enrico Gallozzi rispettivamente presidente e consiglieri delegati del consiglio di amministrazione della società «Salerno Container Terminal» spa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X