SANITA'

Ospedale Piemonte di Messina, denunce e ricorsi

di
Il comitato ritiene che il manager dell'azienda Papardo non abbia ottemperato all'ordinanza del sindaco, Vullo impugna il provvedimento davanti al Tar

MESSINA. È guerra giudiziaria sull'ospedale Piemonte. Il comitato "Salviamo il Piemonte" ha depositato l'ennesimo esposto in procura contro il manager dell'azienda Papardo-Piemonte Michele Vullo. E intanto, il manager dell'azienda, così come aveva annunciato, ha impugnato davanti al tribunale amministrativo l'ordinanza del sindaco Accorinti che impediva la chiusura dell'ospedale. E' una guerra a colpi di esposti e denunce. In attesa che si definisca il matrimonio con il centro neurolesi e che si capisca meglio il futuro dell'ospedale del viale Europa e specialmente il futuro del pronto soccorso fioccano gli esposti. Il 16 ottobre scorso, a presentare un esposto in procura contro il manager Vullo, è stato il comitato salviamo il Piemonte.

Secondo il comitato, il manager dell'azienda Papardo Piemonte, non ha ottemperato al provvedimento emanato dal sindaco. O almeno non lo ha fatto in maniera integrale. E in particolare non ha ripristinato la piena funzionalità dei reparti chiusi commettendo un abuso. "I pazienti che giungono al Pronto soccorso dell' ospedale Piemonte - si legge nell'esposto - pur essendovi disponibilità dei posti letto, vengono trasferiti presso l'ospedale Papardo, il Policlinico o presso le Case di cura private cittadine, con aggravio della spesa sanitaria, spreco di risorse ed aumentato rischio per i pazienti".

SCARICA LA VERSIONE DIGITALE deve portare al link: http://gds.it/abbonamenti/registrazione-digitale.php

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X