ACQUA

In attesa dei lavori alla condotta idrica Messina rimane a secco

di
Sabato una frana ha interrotto l’approvvigionamento dal Fiumefreddo. Rimangono dubbi sui tempi del ripristino

MESSINA. I lavori per la riparazione della condotta idrica a Calatabiano non sono ancora partiti. Ieri pomeriggio l'incontro al Comune della provincia catanese dove sabato mattina si era verificata la frana che ha danneggiato la conduttura e privato Messina degli ottocento litri di acqua al secondo del Fiumefreddo.

In città chi non ha serbatoi è già a secco d'acqua, per tutti gli altri è questione di giorni in base alla capienza delle vasche. Il sindaco di Calatabiano Giuseppe Intelisano ha emesso un'ordinanza che vieta a mezzi e persone di poter raggiungere la zona della smottamento per paura che possano avvenire altri cedimenti.

E sino a ieri pomeriggio la lunga riunione al Comune dov'erano presenti i tecnici dell'Amam è stata dai toni accesi. Messina rischia di restare a secco e tutta quanta perché i duecento litri di acqua al secondo della Santissima non bastano per l'approvigionamento idrico dell'intero territorio comunale.

Il direttore generale dell'Amam Luigi La Rosa, ha dichiarato: «Continuo a consigliare ai messinesi che hanno l'acqua di utilizzarla con molta persimonia, speriamo che i lavori di riparazione possano partire al più presto ma sino ad allora non possiamo dare indicazioni su quanti giorni ci vorranno prima del ripristino».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X