MESSINAMBIENTE

Messina, dopo 72 ore torna la raccolta ma le strade sono ancora piene di rifiuti

di

MESSINA. Emergenza scongiurata a pelo, ma gli effetti del blocco che per quasi settantadue ore ha lasciato la città (sottoliniamo ancora una volta), annaspare tra montagne di rifiuti sono sotto gli occhi di tutti. Non sbaglia i conti Legambiente quando pone Messina ultima città d’Italia in materia di vivibilità ambientale. Bollino nero confermato amaramente anche dai cittadini che in questi giorni si sono visti recapitare a casa i primi bollettini della temuta Tares, mentre affacciandosi alla finestra si godevano il solito spettacolo offerto dai cassonetti stracolmi di spazzatura buttata alla rinfusa anche nelle strade e nei marciapiedi.

Tre giorni di mancata raccolta non sono passati inosservati specialmente nelle zone di periferia e nei villaggi più estremi, assaliti da depositi straordinari di spazzatura che hanno creato una situazione ambientale ed igienico sanitaria a dir poco preoccupante. Nella riviera nord sulla Strada Statale 113, l’immondizia ha invaso anche i bordi della strada statale di proprietà dell’Anas.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X