IL CASO

Barcellona, bloccata oltre 4000 cartelle Imu "pazze"

di

BARCELLONA POZZO DI GOTTO. Sono oltre 4 mila le «cartelle pazze» inviate dall'ufficio tributi di Palazzo Longano ed elaborate dalla ditta aggiudicataria dell'appalto per favorire il recupero dei crediti vantati dal Comune nei confronti dei contribuenti, con riferimento al pagamenti dell'Imu dal 2010 al 2013.

Le richieste sono state inviate dagli uffici comunali il 16 dicembre scorso a conclusione della prima fase di accertamento da parte dell'impresa «Aeg» srl di Lucca, che si è aggiudicata l'appalto da 600 mila euro. L'onere della notifica infatti per contratto è stata affidato al Comune, che avrebbe dovuto effettuare una verifica preliminare sugli importi richiesti. I tempi strettissimi, che imponevano l'invio entro la fine del 2015 degli avvisi di accertamento per un'evasione iscritta in bilancio di oltre 3 milioni di euro, non avrebbero consentito questo accertamento, con la conseguenza che in questi giorni sono stati recapitati le richieste di pagamento con cifre raddoppiate e soprattutto con evidenti errori, riscontrati adesso prima dei contribuenti e poi dagli stessi impiegati comunali.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X