RISCHIO NUOVA EMERGENZA

Frana a Nizza, serve un bypass per la rete idrica di Messina

di
Per scongiurare una nuova emergenza si pensa già ad una deviazione della condotta tra l’Alcantara e Fiumefreddo

NIZZA. Già si pensa ad un bypass tra gli acquedotti dell'Alcantara e quello di Fiumefreddo. Tutti attorno ad un tavolo, dalla protezione civile al comune, all'Amam, alla Sicilia Acque, per capire come evitare una seconda debacle. Come impedire un'emergenza che ha lasciato senz'acqua la città per oltre venti giorni. L'emergenza idrica è di nuovo dietro l'angolo. L'acquedotto di Fiumefreddo rischia di restare schiacciato sotto terra e massi, in ben quattro punti a Nizza di Sicilia.

Torna l'incubo della grande sete. L'Azienda Meridionale acque, ieri mattina, in conferenza stampa, ha però illustrato il suo piano per limitare al massimo i disagi dei cittadini. Se tutto andrà bene l'interruzione dell'erogazione per consentire dei primi interventi tampone dovrebbe durare non più di 48 ore. O meglio si interromperà per due volte per 24 ore. Sono infatti due i punti più critici a rischio frana dove occorrerà lavorare nel massimo della sicurezza. «È possibile - ha spiegato il direttore generale dell'Amam Luigi La Rosa che si debba solo diminuire l'orario dell'erogazione consentendo così a tutti di fare rifornimento». E c'è già un piano B. Ieri se n'è parlato in prefettura e nella sede della protezione civile. La questione è già sul tavolo del commissario per l'emergenza idrica Calogero Foti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X