SANITA'

Accorpamento del Papardo, i medici minacciano lo sciopero

di

MESSINA. Stato di agitazione e lettera al ministro della Salute, alla Regione, al prefetto e al sindaco. Si infiamma la questione Papardo-Piemonte. I medici dei due ospedali hanno proclamato lo stato di agitazione. Dietro l'angolo lo sciopero generale. Protestano per i ritardi accumulati nella definizione dell'accorpamento tra il Piemonte ed il Neurolesi. Senza decreto infatti, la pianta organica, che consentirebbe l'avvio di nuovi concorsi, è ferma. E loro sono costretti a turni massacranti. Di rispettare la legge, che obbliga l'ospedale a garantirgli tra un turno e l'altro una giornata di riposo, nemmeno a parlarne. Dei rinforzi attesi non c'è traccia.

I pronto soccorso degli ospedali Piemonte e Papardo sono in una sorta di stato di guerra perenne. Sono «prigionieri politici» secondo i sindacati. Perché dalla politica regionale tardano ad arrivare le risposte annunciate. I medici a disposizione di ognuno dei due presidi di urgenza dovrebbero essere 15 e invece ce ne sono quindici per tutti e due. Ma la carenza di medici e di infermieri riguarda anche tutte le chirurgie. Mancano all'appello almeno trecento tra medici ed infermieri.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X