IL PROCESSO

Gettoni di presenza ingiustificati, a giudizio sedici consiglieri comunali di Messina

MESSINA. Il gup Maria Vermiglio ha rinviato a giudizio 16 consiglieri comunali di Messina che avrebbero ingiustificatamente usufruito di gettoni di presenza per i lavori delle commissioni consiliari. L'unica per la quale è stato disposto il proscioglimento è Maria Perrone, eletta nell'Udc.

Ecco i nomi dei 16 (su 40 componenti il Consiglio) rinviati a giudizio e i partiti nei quali sono stati eletti: Carlo Abbate (Drs, Democratici riformisti per la Sicilia), Piero Adamo (SiAmo Messina), Pio Amadeo (Megafono), Angelo Burrascano (Megafono), Antonino Carreri (Drs), Nicola Crisafi (Pdl), Giovanna Grifó (Pdl), Nicola Cucinotta (Pd), Carmela David (Udc), Paolo David (Pd), Libero Gioveni (Udc), Nora Scuderi (Megafino), Santi Sorrenti (Drs), Fabrizio Sottile (SiAmo Messina), Benedetto Vaccarino (Pd) e Santi Daniele Zuccarello (Progressisti democratici).

Ciascun consigliere è componente di almeno sei commissioni e potrebbe raggiungere il massimo di 24 presenze mensili negli organismi consiliari. In realtà i politici tendevano a massimizzare i gettoni di presenza utilizzando sotterfugi per comprovare la propria partecipazione alle sedute.

Nel dicembre 2013 (le elezioni si sono tenute nel giugno di quell'anno) in molti avevano già raggiunto 39 presenze operando anche in sostituzione del capogruppo, "frutto di un preventivo accordo tra delegante e delegato" secondo i magistrati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X