MESSINA

Amam, parte la caccia ai «furbetti» dell’acqua

di

MESSINA. In corso ispezioni a tappeto dell'Amam a caccia di allacci abusivi per i rifornimenti idrici. I dirigenti dell'azienda comunale hanno dato disposizione ai loro tecnici di controllare le abitazioni che risultano consumare acqua senza versare alcun pagamento anche da molti anni. L'ammanco per le casse dell'ente si aggira tra i 9 e gli 11 milioni di euro e ha fatto correre ai ripari i vertici dell'Amam che vogliono denunciare e sanzionare tutti gli illeiti. «Escludiamo le zone con condomini contrattualizzati - dichiara il presidente dell'Amam Leonardo Termini - ma esistono situazioni limite come proprietari di casa che hanno acquistato misuratori presso ferramenta simili a quelli dell'Amam per camuffare i controlli».

«La mancata fatturazione - continua Termini - è quantificata al 50% del totale di cui tra il 25 e il 30% corrisponde a sole perdite d'acqua, il testo è fatto dal malcostume della popolazione che tenta di svicolare le leggi con furti idrici, per questi cittadini ci sarà una macchina operativa a sanzionarla pesantemente».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X