RIFIUTI

L'impianto di Mazzarrà Sant'Andrea mai messo in funzione, e la discarica inquina

di

MAZZARRA' SANT'ANDREA. Un fiume di liquami scorre da dieci giorni dalla discarica di Mazzarrà Sant’Andrea nell’omonimo torrente. È il percolato che pure dovrebbe essere raccolto e smaltito grazie a un impianto nuovissimo, costato 2,8 milioni e mai messo in funzione. Paradossi del sistema dei rifiuti siciliano: adesso la Regione dovrà sborsare in tutta fretta 300 mila euro, me ne ha pronti un milione, per fermare il danno ambientale.

Cronaca di un disastro annunciato. Sulla raccolta (meglio, la mancata raccolta) del percolato l’assessore ai Rifiuti Vania Contrafatto ha depositato un lungo dossier in Procura segnalando omissioni e sprechi. E anche sul caso di Mazzarrà l’assessore ha chiesto di avviare delle indagini.

La discarica messinese è stata chiusa e sequestrata per varie irregolarità ma non è mai stata messa in sicurezza. E per questo motivo le piogge degli ultimi mesi hanno fatto accumulare oltre 2 tonnellate e mezzo di percolato: il liquido nero altamente inquinante che si forma quando l’acqua attraversa l’immondizia sedimentata. La discarica è «esplosa» lasciando fuoriuscire il percolato che è andato a finire e ancora oggi finisce nel torrente. La Contrafatto ha parlato «di danno ambientale enorme».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X