L'EVENTO

Taofest, Videobank: liberato anche Russel Crowe, doveva essere presidente di giuria

Festival del Cinema di Taormina, Il Padrino, Radio City Music hall di New York, taormina film fest, Videobank, Al Pacino, Francis Ford Coppola, Matthew Modine, Price Bosnan, Russell Crowe, Tim Robbins, Tim Roth, Messina, Cultura
Russell Crowe

CATANIA. Videobank dice definitivamente addio, per quest'anno, all'organizzazione del Taormina Film Fest. La decisione giunge dopo la sentenza del Tar di Catania che ha annullato la gara d'appalto. La società ha reso noto di avere anche "annullato definitivamente tutti gli accordi riguardanti ospiti e proiezioni".

Ha 'liberato' dagli impegni presi Russell Crowe che aveva accettato di svolgere il ruolo di presidente della giuria del festival rimanendo a Taormina per tutta la durata della rassegna cinematografica. Ha disdetto gli accordi già definiti con Al Pacino, Francis Ford Coppola, Tim Roth, Price Bosnan , Tim Robbins, Matthew Modine. Senza contare la larga e non meno importante rappresentanza del cinema italiano.

Annullati anche gli accordi con le case di produzione per le proiezioni delle prime al Teatro Antico. Il regista Francis Ford Coppola si era detto pronto a organizzare a Taormina nei giorni del festival il ricordo dei 45 anni de 'Il Padrino', serata che è stata trasferita al Radio City Music hall di New York.

"Il rammarico di Videobank - si legge in una nota della società - è certamente grande: la Sicilia tutta, oltre che Taormina, perde infatti una possibilità di promozione con una danno di immagine che difficilmente sarà recuperabile". Videobank, osserva la società, "si è vista costretta a sciogliere tutti i contratti già siglati con gli sponsor, ai quali va comunque un profondo ringraziamento agli stessi per la fiducia accordata a noi al nostro progetto per il festival, accordi che avevano già raggiunto la cifra di 650 mila euro mentre altri erano in via di definizione".

La società parla di "mesi e mesi di lavoro, di entusiasmo e di impegni buttati letteralmente al vento". "Abbiamo più volte cercato - sottolinea Videobank - sempre tenendo conto di una sentenza che non condividiamo ma rispettiamo, una soluzione con Taormina Arte e con l'assessorato regionale al Turismo per non vanificare il nostro lavoro e non danneggiare la nostra immagine e quella della Sicilia tutta. Hanno deciso, nostro malgrado, di scegliere altre strade anche se al momento alla società Videobank non è stata notificata alcuna decisione definitiva. Dopo infatti aver ricevuto da Taormina Arte una mail con la quale la nostra società veniva ufficialmente dichiarata assegnataria definitiva dell'organizzazione, non ci è mai stato comunicato che assegnatari non lo eravamo più".

Videobank "ringrazia i direttori artistici Silvia Bizio e Gianvito Casadonte per la collaborazione e per avere creduto sino in fondo nel progetto cercando di portarlo a compimento nel miglior modo possibile".

"L'unica nota positiva per Videobank - osserva la società - a questo punto i tanti attestati di stima ricevuti in questi mesi sia da gente comune sia dai tanti fornitori che dovevano essere coinvolti nel progetto Festival. Attestati di stima che ci confermano che abbiamo fin qui sempre ben operato e che così continueremo a fare per il bene della nostra azienda e - conclude la nota di Videobank - per il bene, se ci sarà permesso negli anni a venire, del Festival del Cinema di Taormina".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X