SPETTACOLI

Medea profuga ed in cerca di amore apre la stagione al teatro di Tindari

di
medea, teatro, Tindari, Messina, Cultura

PATTI. È una profuga Medea, straniera in cerca d’amore. E sono primitivi e stranieri i Ciclopi, mostri che non accettano l’ordine precostituito e metropolitano. È interamente giocato sul tema dell’accoglienza, questo nuovo ciclo di tragedie classiche del «Teatro dei due mari» che si apre mercoledì prossimo al teatro antico di Tindari con «Il ciclope» di Euripide, l’unico dramma satiresco giunto dall’antichità, e continua giovedì 25 maggio con la «Medea» di Seneca, affidata alla mano sicura di Walter Pagliaro.

Dopo il debutto, i due spettacoli si alterneranno fino a domenica 4 giugno. La firma in calce al cartellone – che avrà un suo secondo momento più «leggero» e di intrattenimento ad agosto – è firmato come d’abitudine da Filippo Amoroso.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Messina: i più cliccati