MUME

Messina riacquista la sua memoria con la riapertura del museo

di

MESSINA. Era ora. Adesso è ufficiale: in riva allo Stretto, sabato prossimo, apre il MuMe, acronimo per la nuovissima sede del Museo interdisciplinare regionale di Messina, struttura finalmente consegnata alla città dopo ventidue anni dalla fine dei lavori.

Una moderna sistemazione per quella che si configura come la più ampia realtà espositiva del Meridione (dopo il Museo nazionale di Capodimonte, a Napoli) che vanta una superficie di complessivi 17.000 mq in quella che, un tempo, era l’ex monastero di S. Salvatore dei Greci. Dal 17 giugno per Messina non ci saranno più alibi: dopo un terremoto, due guerre mondiali e un mare di soldi spesi (doveva costare 7 miliardi di lire, sono stati quasi 15 milioni di euro), la città metropolitana avrà un luogo per (ri)conoscere, non dimenticare e rispettare il proprio fiorente passato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X