Niente guerre ma affari e infiltrazioni nelle istituzioni. Così la mafia a Messina ha sostituito il pizzo

MESSINA. "...Tu per dire la mia famiglia fino ad oggi un pentito non c'è, nessuno. In tutte le famiglie ci sono pentiti, non nella nostra. Noi pentiti nella nostra famiglia... non ce n'è". A parlare è Vincenzo Romeo, il "capo" della cellula del clan dei Santapaola a Messina, secondo le indagini del Ros, sotto la supervisione del padre, Francesco, e con la collaborazione dei fratelli, Pasquale e Benedetto e Gianluca.  E' lui uno dei protagonisti delle intercettazione dell'operazione che ha portato oggi a 30 arresti tra Messina, Catania e Siracusa.

In un'altra intercettazione si può sentire un colloquio in un ufficio: "Mi telefona di sera, domani c'è una riunione a Roma, dice, stanno scendendo tutti quanti per comprare le concessioni, dice mi ha chiesto la cortesia se puoi salire tu con qualcuno...".

In un'altra intercettazione ambientale si parla anche dei "nuovi metodi" delle famiglie: "Fanno, costruiscono, cercano di fare un'altra attività. Hanno eliminato del tutto il pizzo. Il primo che chiede il pizzo, lo ammazzano loro, perchè dice che ci stiamo rovinando da soli. Non esiste più l'antica...addio pizzo. Qua non esiste più, è rimasta una cosa di Palermo. Se chiamano pizzo il regalo su un appalto, è esistito sempre.

Un clan che si 'nasconde' che preferisce il 'basso profilo', che non vuole atti criminali eclatanti, anzi è lontano da bande armate e 'santini' bruciate col sangue degli affiliati, ma che diventa imprenditore. E' la 'logica' operativa della 'cellula' della cosca Santapaola di Catania attiva Messina, dove aveva fin'ora agito in maniera 'indiretta', con alleanze locali. Che opera nel solco della linea avviata da Cosa nostra catanese: collocata all'interno dell'economia reale e delle relazioni socioeconomiche, con agganci in ogni settore della società che conta.

Una 'entità' capace di teorizzare, come emerge nelle intercettazioni, l'abbandono delle forme criminali violente e del rituale mafioso per gestire società di servizi, controllare in modo diretto appalti su scala nazionale, gestire il gioco illegale e le scommesse della massima serie calcistica, operare attraverso la corruzione e il clientelismo il controllo sull'attività di enti pubblici, attivare informatori in tutti gli uffici pubblici.

E' una struttura criminale 'moderna' che ha sostituito i manager ai padrini e che opera per il profitto col "concorso esterno" delle squadre che sparano, più difficile da scardinare perché nascosta e infiltrata. Una cellula di Cosa nostra che rovescia il tradizionale rapporto dei ruoli tra società bene e società violenta rispetto per conseguimento degli scopi associativi della 'famiglia' mafiosa. Che resta forte e riconosciuta negli ambienti criminali tanto che le bande di Messina ogni qualvolta si imbattono negli interessi dell'associazione si fermano, obbedendo. Singolare inoltre la sostituzione del 'pizzo' con altre forme di intervento economico, grazie anche a società che forniscono servizi alle imprese (come le cooperative nel settore dalle forniture alimentari) o gestiscono in subappalto la fornitura di prodotti parasanitari per conto delle Asl.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook