Di tutti i tipi e dimensioni, il mare delle Eolie passerella per le barche di lusso

ISOLE EOLIE. Barche di ogni genere, di tutti i tipi e di tutte le dimensioni.

Il mare delle Eolie in questi giorni è passerella delle imbarcazioni più lussuose.

C'è Ilona a Filicudi, di 74 metri, ed è stato costruito nel 2003 dai cantieri Amels. Lo stile, come racconta notiziarioeolie.it, nasce dalla collaborazione con Redman, Whiteley e Dixon Design. E' di proprietà del miliardario australiano Frank Lowry. Si articola su quattro ponti più flying bridge, raggiungibili in ascensore. Può ospitare 16 persone con 26 d'equipaggio. A poppa c'è un capiente hangar che ospita un elicottero. Questo dispone di un elevatore per portare il velivolo alla quota di decollo. Il ponte superiore è interamente dedicato all'armatore, che può deliziarsi di 33 metri di ambienti concepiti all'insegna della classe più esclusiva. Anche gli ospiti e i membri dell'equipaggio non possono lamentarsi, vista la cornice di sfarzo, comfort e qualità che li avvolge. La velocità di crociera è di 15 nodi.

A Stromboli c'è lo yacht Christina di 100 metri, che fu di Aristotele Onassis. A bordo un gruppo di multimilionari americani. Acquistato per 32 milioni di dollari da un armatore greco, è utilizzato come "nave da crociera". A bordo ci sono ancora molte foto e diversi oggetti d'epoca. Nato come fregata in Canada, venne poi trasformato in uno splendido albergo galleggiante al servizio dell'armatore greco. Onassis lo lasciò al governo del suo paese, che lo fece cadere in declino, ma nel 1999 fu acquistato da John Paul Papanicolaou, cui si deve il restauro e il nome "Christina O", in onore della figlia del precedente proprietario. Viene affittato settimanalmente anche 65mila euro. Costruito nel 1943 come fregata della Classe River per la Marina del Canada, una volta diventato uno dei simboli della potenza di Onassis, ai tempi di massimo splendore aveva bagni con rubinetti d'oro e maniglie d'avorio, un caminetto extralarge tempestato di pietre preziose, lavandini in lapislazzulo e un bagno di marmo, quello dell'armatore, con una vasca ispirata a quella del mitico Minosse, re di Creta.

A Vulcano è possibile ammirare "Ocean Victory", di 140 metri, uno dei 10 yacht più grandi al mondo. Varato presso lo stabilimento Fincantieri di Muggiano nello spezzino. Ha un hangar per elicottero, un "tender" da 14 metri e ben 6 piscine. Il proprietario è il magnate russo Viktor Rashnikov, proprietario della Magnitogorskiy Metallurgicheskiy Kombinat, la Mmk, azienda che si occupa della produzione di acciaio e ferro. La parte esterna è stata disegnata da Espen Oeino, l'interno da Alberto Pinto. Ospsta 26 persone e 50 d'equipaggio. E' alimentato da 2 motori diesel da 3.400hp e raggiunge una velocità di 25 nodi.

Al largo del castello si è ancorato "Coral Ocean", di 73 metri. Varato da Lürssen è uno degli ultimi capolavori di Jon Bannenberg. Appena si mette piede nel salone del ponte principale si rimane affascinati dagli arredi, in perfetto stile beach house polinesiana. Materiali naturali come legno, marmi e conchiglie, sottolineati da pezzi unici provenienti da Africa e Asia che, enfatizzati anche da sapienti giochi di luce, danno all'ambiente un carattere inconfondibile. Le paratie apribili, precursori dei moderni terrazzini, consentono inoltre di cenare pied dans l'eaut. Può accogliere 12 ospiti anche in una cabina armatoriale sul ponte più alto, interamente circondata da vetrate che assicurano un panorama mozzafiato e che, grazie a una vetrata circolare sopra il letto, consente anche di guardare le stelle. In tutta la nave una moquette in lana della Nuova Zelanda, lavorata in modo da riprodurre le onde quando frangono, accentua l'effetto beach house che è il leit motive di Coral Ocean. Tra le moltissime opere d'arte installate a bordo c'è anche una cascata in bronzo che parte dal lower deck e segue tutte le scale fino al top deck. Sul sundeck c'è una piscina in mosaico dotata di meccanismo per il nuoto controcorrente. Motorizzato con due CAT da 2864 kW ciascuno, raggiunge la velocità massima di 17 nodi e ha un'autonomia di 6000 miglia.

Ad Alicudi a 300 metri dall'incontaminata isoletta si è ancorato "Aquila", di 86 metri. Appartiene alla famiglia Walton, il più grande yacht privato di lusso costruito negli Stati Uniti dagli anni Trenta. È stato costruita da Derecktor Shipyards, il design esterno è di Tim Heywood e l'interno da Dalton Designs. Ha 14 ospiti, con equipaggio di 26 anni. Ha un valore di 150 milioni di dollari. Una delle caratteristiche sorprendenti è un lampadario a 11 metri custum che si estende su 4 ponti. La famiglia Walton è considerata la famiglia più ricca del mondo. "Forbes" stima il loro patrimonio netto a 130 miliardi di dollari. La fonte della ricchezza è la società Walmart. Wal-Mart Stores, Inc. (Walmart), è una multinazionale americana che gestisce una catena di ipermercati, grandi magazzini e negozi di alimentari. Walmart è stata fondata da Sam Walton nel 1962 e oggi ha 11.539 negozi in 28 paesi. Walmart è la più grande società del mondo per entrate, secondo la lista Fortune Global 500 nel 2016. Le entrate del 2016 sono state 482 miliardi di dollari con un reddito netto di 15 miliardi di dollari USA. Walmart è anche il più grande datore di lavoro privato nel mondo con 2,2 milioni di dipendenti. La fortuna della famiglia Walton è detenuta principalmente dai tre figli viventi di Sam - Rob, Jim e Alice - - figlia Christy e suo figlio Lukas, oltre alle due figlie di Bud, Ann Walton Kroenke e Nancy Walton Laurie.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X