ARCHEOLOGIA

Trovati resti di un tempio attribuito ad Apollo, ricerche a Messina ed Oxford

tempio di apollo, università di messina, Messina, Cultura
Il sito Halaesa Arconidea a Tusa

PALERMO. Un tempio, attribuito da più fonti ad Apollo, è stato riportato alla luce nel corso di una campagna di scavi archeologici condotta delle Università di Messina e di Oxford.

I lavori sono stati effettuati presso il sito della città greco-romana di Alesa, nella zona di Tusa.

La fase operativa degli scavi è durata circa un mese (compreso un periodo di quasi due settimane necessario alla bonifica dell'area, interessata da fitta vegetazione).

A dirigere le operazioni, giunte ormai agli sgoccioli, sono stati i professori Lorenzo Campagna (associato al Dipartimento DiCam) e Jonathan Prag (docente di Storia Antica dell'Ateneo inglese), coadiuvati dal professor Alessio Toscano Raffa (Cnr-Ibam di Catania), in veste di coordinatore.

Le strutture del tempio di Apollo, solo parzialmente individuate negli anni Cinquanta del secolo scorso dall'archeologo Gianfilippo Carrettoni, sembrano non essere le uniche a insistere sulla zona. L'équipe degli scavi comprende anche da 10 studenti di Oxford e 5 di Messina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X