IL CASO

Accorinti risponde alle polemiche: "La visita del Dalai Lama opportunità per Messina"

MESSINA. «Non capita tutti i giorni che un premio Nobel venga nella nostra città per portare il suo messaggio di pace, gentilezza amorevole e calma mentale, promuovendo incontri dedicati a temi come l’immigrazione, l'intercultura e l’interdipendenza». Lo ha detto stamani nel corso di una conferenza stampa, il sindaco di Messina Renato Accorinti, che insieme al vicesindaco, Gaetano Cacciola, e agli assessori, Guido Signorino, Federico Alagna e Sebastiano Pino, ha illustrato il programma, l’organizzazione e i dettagli della visita del Dalai Lama, a Taormina e Messina i prossimi 16 e 17 settembre.

«Il Dalai Lama - ha aggiunto - è una tra le massime autorità del pianeta, personaggio indiscutibile a livello mondiale. Come ho già sottolineato nei giorni scorsi i biglietti in vendita rappresentano soltanto un contributo alle spese e nessuno percepirà guadagni da questo doppio appuntamento, poiché eventuali eccedenze andranno in beneficenza ai bambini tibetani in esilio in India. Sul manifesto ufficiale e definitivo non è previsto il conferimento della cittadinanza onoraria di Messina al Dalai Lama, ma un Premio in quanto costruttore di pace, giustizia e nonviolenza; sarà poi il Consiglio comunale, investito nel suo ruolo secondo quanto previsto dai regolamenti, a decidere se concederla o meno».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X