TRADIZIONI POPOLARI

Spente le polemiche, la «Vara» attraversa Messina tra fede e folclore

di

MESSINA. Millecinquecento mani aggrappate a due lunghissime corde. Uno sforzo immane, per trascinare attraverso quattro chilometri di strade cittadine una macchina votiva alta 13 metri e mezzo e pesante qualcosa come otto tonnellate.

Attorno, centomila persone o poco meno, a dar forza ai tiratori al grido di «Viva Maria». È storia, tradizione, cultura popolare e devozione, la processione della «Vara», che da cinque secoli accende il Ferragosto messinese.

La vigilia di quest’anno è stata movimentata da tante piccole polemiche dal sapore più politico che concreto, ma alla fine in strada è filato tutto liscio, come sempre. Perché in fondo, la Vara è il simbolo di Messina, e forse anche per questo sembra la metafora perfetta della città.

Abile a interrogarsi e confrontarsi, a volte anche con toni piuttosto accesi, ma capace anche di ricompattarsi e remare (anzi, tirare) nella stessa direzione, almeno per un giorno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X