NEBRODI

Le intimidazioni a Magda Scalisi, indagini a tappeto

di

SANT'AGATA DI MILITELLO. Indagini a tutto campo delle forze dell’ordine per individuare gli eventuali responsabili delle intimidazioni e dei presunti episodi sospetti ai danni della giovane imprenditrice che gestisce il «Rifugio del Parco» sui Nebrodi. E contemporaneamente una valanga di attestati di sostegno, attraverso i social, con telefonate e messaggi, ma anche con visite di solidarietà nella bella struttura di proprietà dell’Ente Parco immersa tra i boschi.

La storia di coraggiosa lotta per la legalità di Magda Scalisi, in un territorio difficile come quello dei Nebrodi, raccontata dal Giornale di Sicilia, ha suscitato reazioni positive e l’impegno di istituzioni e associazioni affinché non resti isolato chi sceglie di fare impresa seguendo le regole, senza lasciare spazio ad azioni di prepotenza e violenza, anche di tipo mafioso. Dopo le denunce di atti intimidatori e furti della responsabile della cooperativa «Kara Sicilia» che si è aggiudicata la gestione del rifugio oltre un anno fa, sono scattate le indagini da parte dei carabinieri di San Fratello e del commissariato di polizia di Sant’Agata di Militello.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X